Gli intrusi della casa: TARME DELLA STOFFA

Domanda: Ho dovuto buttare un golfino perche’ aveva due buchi, potrebbero esserci le tarme nel mio armadio?

E’ molto probabile che i “due buchini” siano opera della tarma dei tessuti ovvero la Tineola bisselliella.

 

Domanda: Sono terrorizzata non vorrei dover buttare tutti gli abiti, devo aspettarmi di trovare altri indumenti danneggiati?

Per rispondere a questa domanda è utile conoscere alcune caratteristiche principali delle “tarme”.

Innanzitutto sono le larve che si nutrono di tessuti e fibre naturali come lana, seta, cotone, lino, piume, pellicce; i loro preferiti sono gli indumenti non puliti con macchie di unto, sudore, urina, birra, latte, ecc. perché le tarme hanno bisogno di vitamina B che non possono trovare nei tessuti puliti.

La femmina della T.Bisseliella depone le uova (40/50) sul tessuto che servirà alla larva da cibo, una volta adulto l’insetto avrà l’aspetto di piccola farfalla dalle ali sottili di colore cremeo o brunastro.

Per cui non si può escludere che l’infestazione si sia estesa anche ad altri indumenti, le suggerisco di controllare tutti i capi all’interno dell’armadio.

 

Domanda: Cosa posso fare per eliminare le tarme dal mio armadio?

Dovrà procedere alla sanificazione degli indumenti e dell’armadio

ABITI – INDUMENTI

Li faccia lavare a secco o in lavatrice e li riponga (meglio in buste di plastica) nell’armadio dopo averne sanificato l’interno.

ARMADIO

Con aspirapolvere aspiri l’interno dell’armadio insistendo nelle fessure ed elimini immediatamente il sacchetto di raccolta polvere.

Irrori l’interno con prodotto PERMECID PU

PREVENZIONE E CONTROLLO

Metta all’interno dell’armadio la nostra piastra con collante che attira le tarme con il feromone e le cattura.

La piastra esercita una azione di prevenzione in quanto cattura le tarmee,se ci sono, si prendono gli opportuni provvedimenti del caso (disinfestazione) e nel contempo rende evidente la presenza delle tarme (monitoraggio) evitando i danni agli indumenti che lei ha riscontrato.